Puglia,  Racconti di viaggio,  Treno,  Weekend

Ar giro pè Bari vecchia

Quanno arivate a Bari dovete fa du cose: primo ringraziate er cielo che er treno vostro è arivato in orario. E pure si è in ritardo ringrazziate lo stesso perchè ce ne stanno armeno artri tre-quattro che tirano avanti a carbone, cor tabellone che nun c’ha abbastanza numeretti per indicà i minuti de ritardo. E quindi comunque v’ha detto culo.

Seconno, annate subito ar centro, entrate in quarche fast food locale (no er Mec eh, pe fast food intendo er locale mezzo sfonnato che te fa magna co 10 euri) e chiedete er porpo crudo.
Mo voi me direte “see er porpo crudo, cazzo vordì crudo”.

Te dico crudo. Lo tireno su daji scoji, lo sbattono sempre su li scoji e te lo tirano ner piatto. Senza ‘n cazzo d’altro. Com’esce esce.

Ora, noi che semo romani er crudo ce piace, se semo tutti imborghesiti. Er sushi, er gambero rosso de mazzara, a tartàre, er carpaccio co otto nomi appresso che ce vò n’atlante solo pe capì de che stamo a parlà. Tutto bono per carità, ma er porpo crudo sta a ste cose come la pancetta sta ar prosciutto cotto.

Er porpo è pòpo gretto.

Non se po’ dì che sa de mare, perché er sapore non è fortissimo, e la consistenza è gommosa. Te sembra che stai a sgravà, che stai a fa na cosa de quelle che alla fine era mejo lassà perde. Insomma te sembra pòpo che stai a magnà na cosa cruda.

Mo, se volemo dì le cose come stanno, te ce possono pure mette sopra un po’ d’ojo e ‘n filo de sale. Ma te devi fermà lì, se je chiedi er pepe se rompono er cazzo, te dicheno che nun ce sta. E pensano “che regazzino”. Er prezzemolo trifolato invece ce potete provà a chiedejelo. Poi me fate sapè che ve risponnono.
Che poi a me a la fine sto porpo crudo manco m’è piaciuto troppo. Me devo esse ‘mborghesito pur’io, ma ve lo volevo raccontà.

Usciti dar fast food potete fa na passeggiata ne a città vecchia. Quella dove girava cassano cor motorino nell’anni novanta e nun ce potevi entrà si nun eri invitato. E comunque era mejo se nun te invitavano. Sì proprio quella.

Mo è cambiato tutto. Nun ce credevo manco io, pensavo che stavano a esagerà.
E invece.. aho a Bari vecchia se parla inglese nelle strade, state a capì.

Sarà sto turismo esperienziale che spigne, che ve devo dì. Un gioiello hanno fatto, un capolavoro. ‘E signore fanno l’orecchiette fori de casa mentre i stranieri girano pe i vicoli cor soriso rilassato e scambieno quarche parola co la ggente der posto. Nu lo so come se capiscono, ma se capiscono.

Ristoranti pieni, bar eleganti, i pasticciotti in piazza Mercantile so na bomba (questi se se mettono a esportà diventano più grossi del mec donard).

E poi ce sta San Nicola. La piazzetta co San Nicola è uno de quei posti che a livello curturale e de bellezza vale da solo più de tre-quattro stati americani. Dici “che c’entra?” Niente , me piace fa i paragoni.

Pure e mura ‘ntorno a la città vecchia l’hanno risistemate. Na bella passeggiata nun ve la toje nessuno, anche perché dovete smartì er porpo e quant’arto ve sarete già magnati a sto punto. Pure qui un paio de baretti e localini ve chiameno pe fa l’aperitivo. Quasi quasi ve potreste pure prende un còckteil, tanto ormai qui so diventati precisi e eleganti.

Ve guardate intorno e pensate “ma possibile che nessuno me rompe i cojoni? Nessuno me chiede i sordi, me vole vende quarcosa? Uno che strilla? Na rissa?” Niente. Qua se vedete no scippo è un tedesco che ha pagato pe provà er brivido… Turismo esperienziale regà.

Mo me criticherete: “aho ma che ce stai a spigne na città de fighetti?”. Ennò amico mio, qui viene er bello.

Te sposti sur molo San Nicola ducento metri più sotto* e parte o spettacolo. Mentre t’avvicini vedi sto molo mezzo coperto, tipo un porticato de baracche. Sotto ce sta na fiumana de gente attorno ai banchetti che sembra che stanno a fa er gioco de e tre carte come a Porta Portese. I banchetti so de cartone, co sta gente attorno che mezzo strilla e mezzo magna. Nun se capisce bene che stanno a fa. Poi arivi e capisci che so i banchi der pesce. De cartone eh.
Se ripropone er porpo crudo, ma pure e cozze e artre cose che nu me ricordo bene. Sempre pesce s’entende.

Lo poi comprà e porta a casa, imballaggio dry ne a busta de plastica, oppure te lo poi magnà là. Mentre me avvicino vedo uno che pesca l’acqua der porto co na cassetta de poristirolo e la usa pe lavacce e cozze. No sgravo totale. Na roba der genere nun l’ho vista manco a Istanbul. Nun lo dico pe dì eh, ce so stato davero a Istanbul, ma er molo de San Nicola è peggio.

Comunque so simpatici, so forti, e soprattutto capisci che ce devono avè davero l’immunità all’epatite ner DNA (nun mancano mai de spignete sta leggenda a la prima occasione).
Insomma tocca faje veramente i complimenti a sti baresi. Mo veramente te possono fa er pezzo “se Parigi c’avesse lu mere, sarebbe una piccola Beri”. Tacci loro se stanno avanti. Quasi quasi, se contamo davero pure er mare, potemo quasi dì che è mejo Bari.

Mare che poi a di a verità nun è che sia chissachè. Spiagge fiche in città nun ce stanno, te devi un po’ allontanà. Però devi considerà che co du schioppi** de treno stai a Polignano, che c’ha er fiordo che spigne e le scojere a picco in piena città. Na perla. Sta pure su la copertina della lolli planet. Pure qui, tutto tirato a lucido.

Un po’ fa tristezza eh, a pensà che persino qui, ner bistrattato sudde, le strade so pulite. Mentre a Roma continua a usci fori la monnezza dai cassonetti.
E vabbè che dovemo fa? Co tre ore e mezzo de treno stamo a Bari, che ce frega?


*più a sud
** 30-40 minuti

Polignano a mare
Tutti ar mare er primo ottobre

Viaggiatore da una vita. Ho piantato la tenda sull'aspra brughiera delle Orcadi e sorseggiato mojhito sulla sabbia bianca di Bora Bora. Ho visitato il cuore rovente dell'Islanda ed attraversato gli USA da un oceano all'altro. Ho conosciuto un filosofo cubano di nome Aristoteles, e visto i Sami giocare a calcio alle tre del mattino in un'area di servizio oltre il circolo polare artico. Ho cotto gli spaghetti nel Tiergarten di berlino ed ero a Times Square la notte che Trump ha sconfitto l'america. Mi muovo a piedi in bicicletta, in treno e in automobile: ad ogni viaggio il suo mezzo. Ma meglio se leggero. Sono fermamente convinto che l'Italia sia il paese turisticamente più importante del mondo, se vissuto fuori stagione. Tuttavia amo trascorrere l'estate al fresco nel Grande Nord. Cicloturista enogastronomico dell'era Decathlon, mi considero più un cacciatore di paesaggi che un Trekker vero e proprio. Ho comunque al mio attivo un 4000 e numerose cime minori. Ho viaggiato con tre, cinque, dieci amici, alcuni dei quali scrivono in questo blog. Oggi viaggio con mia moglie che scatta fotografie e traccia la rotta col GPS, ma non rinuncio mai alla sensazione del dito che scorre su una carta geografica. Mio figlio a 6 mesi ha già raggiunto quota 2.400 e calcato alcune delle spiagge più belle del mediterraneo. Sta buono solo in viaggio. Credo che farà grandi cose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook
Instagram